martedì 9 giugno 2015

Contributi INPS Artigiani e Commercianti - Saldo 2014 e 1° acconto 2015

Contributi INPS Artigiani e Commercianti - Saldo 2014 e 1° acconto 2015A tutti coloro che utilizzano i nostri software Calcolo CodeLine INPS per Mac e Calcolo CodeLine INPS per Windows ricordiamo che il 16 giugno 2015, che slitta al 6 luglio 2015 per i contribuenti che esercitano attività economiche per le quali sono stati elaborati gli studi di settore, scade il termine per il versamento del saldo 2014 e del primo acconto 2015 (nella misura del 50%) dei contributi dovuti all'INPS da parte degli artigiani e dei commercianti sulla quota di reddito eccedente il minimale.

Ricordiamo che è possibile effettuare i versamenti anche dal 17 giugno al 16 luglio 2015 (per i contribuenti che esercitano attività economiche per le quali sono stati elaborati gli studi di settore: dal 7 luglio al 20 agosto 2015) con la maggiorazione dello 0,40% oppure in forma rateale con la prima rata entro le suddete date e le successive entro il giorno 16 di ogni mese (entro la fine di ogni mese per i non titolari di partita IVA) fino al mese di novembre 2015 (N.B. Qualora il termine scada di sabato o in un giorno festivo lo stesso è prorogato al primo giorno feriale successivo), con l'applicazione degli interessi (nella misura del 4% annuo) secondo le seguenti tabelle:

Titolari di partita IVA (che NON esercitano attività economiche per le quali sono stati elaborati gli studi di settore):

RataVersamentoInteressi %Versamento (*)Interessi %
1a16 giugno0,0016 luglio0,00
2a16 luglio0,3320 agosto (**)0,33
3a20 agosto (**)0,6616 settembre0,66
4a16 settembre0,9916 ottobre0,99
5a16 ottobre1,3216 novembre1,32
6a16 novembre1,65

Titolari di partita IVA (che esercitano attività economiche per le quali sono stati elaborati gli studi di settore):

RataVersamentoInteressi %Versamento (*)Interessi %
1a6 luglio0,0020 agosto0,00
2a16 luglio0,1116 settembre0,29
3a20 agosto (**)0,4416 ottobre0,62
4a16 settembre0,7716 novembre0,95
5a16 ottobre1,10
6a16 novembre1,43

Non titolari di partita IVA:

RataVersamentoInteressi %Versamento (*)Interessi %
1a16 giugno0,0016 luglio0,00
2a30 giugno0,1631 luglio0,16
3a31 luglio0,4931 agosto0,49
4a31 agosto0,8230 settembre0,82
5a30 settembre1,152 novembre1,15
6a2 novembre1,4830 novembre1,48
7a30 novembre1,81

Non titolari di partita IVA con redditi di partecipazione di cui agli articoli 5, 115 e 116 del TUIR (in società, associazioni e imprese che esercitano attività economiche per le quali sono stati elaborati gli studi di settore):

RataVersamentoInteressi %Versamento (*)Interessi %
1a6 luglio0,0020 agosto0,00
2a31 luglio0,2731 agosto0,11
3a31 agosto0,6030 settembre0,44
4a30 settembre0,932 novembre0,77
5a2 novembre1,2630 novembre1,10
6a30 novembre1,59

(*) In questo caso l’importo da rateizzare deve essere preventivamente maggiorato dello 0,40 per cento.

(**) Le scadenze dal 1° al 20 agosto di ogni anno sono state differite al 20 agosto senza alcuna maggiorazione, a regime, dall'art.3-quater del decreto-legge 2 marzo 2012 n. 16 convertito, con modificazioni, dalla legge 26 aprile 2012 n. 44.

Ad esempio, per calcolare correttamente la codeline del titolare da indicare nel modello di versamento F24 e/o nel quadro RR del modello Unico PF 2015, in assenza di situazioni particolari, occorre inserire nell'applicazione i seguenti dati:
Codice Azienda
indicare la parte numerica del codice aziendale attributo dall'INPS
Anno di emissione
selezionare l'anno 2014 per il saldo oppure 2015 per l'acconto
Progr.emissione
normalmente va indicato "1"
Codice soggetto
selezionare il codice "10" (Titolare)
Codice rata
selezionare "6 Contributi eccedenti il reddito minimale"
Importo pagam.
non va indicato alcun importo
Anno di riferim.
selezionare l'anno 2014 per il saldo oppure 2015 per l'acconto
Codice sede
selezionare la sede INPS di appartenenza
Ricordiamo che le causali contributo da utilizzare per gli artigiani sono: "AP" per il versamento in unica soluzione, "APR" per il versamento rateale, "API" per il versamento della maggiorazione dello 0,40% e/o degli interessi da rateazione. Per i commercianti vanno utilizzate, rispettivamente, le causali contributo "CP", "CPR" e "CPI".

Per una verifica degli importi complessivamente dovuti per contributi eccedenti il minimale sul reddito imponibile dell'anno precedente e in acconto per l'anno in corso, sempre sul reddito imponibile dell'anno precedente, è possibile utilizzare le nostre applicazioni Calcolo Contributi INPS per Mac e Calcolo Contributi INPS per Windows. A questi precedenti post sono pubblicate le tabelle dei contributi dovuti per l'anno 2014 e per l'anno 2015.

N.B. Le scadenze indicate in questo post tengono conto del Comunicato Stampa del Ministero dell'Economia e delle Finanze n. 121 del 9/6/2015 che annuncia l'emanazione di un decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri che prevede lo slittamento dei termini di versamento a favore dei contribuenti che esercitano attività economiche per le quali sono stati elaborati gli studi di settore.

La proroga riguarda sia i soggetti che esercitano attività per le quali sono stati approvati gli studi di settore, sia coloro che presentano cause di inapplicabilità o esclusione dagli stessi, compresi i soggetti che adottano il regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità, i soggetti che determinano il reddito forfettariamente nonché i soci di società di persone e di società di capitali in regime di trasparenza.

[update] Per maggiori informazioni: Circolare INPS n.120 del 12 giugno 2015.

Nessun commento: